ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' active_time = 1511046249, active_ip = '54.196.127.107', ac' at line 2
---
REPLACE INTO it_active SET active_id = , active_time = 1511046249, active_ip = '54.196.127.107', active_user_agent = 'CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)', active_session = 'qfj5duruvdqf53k1560idujie7'
---
ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3
---
SELECT * FROM it_comments, it_users WHERE user_id = comment_author_id AND comment_topic = 3014 AND comment_type = 'articles' AND (comment_state = 1 OR comment_author_id = ) ORDER BY comment_date ASC
---
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3 Origine e significato della musica reggae


Article Marketing » Arte-e-cultura » Musica » Origine e significato della musica reggae



Origine e significato della musica reggae


Preleva il codice html | PDF | Stampa
scritto da: marco - Visite: 1428 - Numero di parole: 583 - Data: 23 Sep 2007 - Ora: 9:05 AM 0 commenti




Il reggae è un genere musicale originario della Giamaica derivante dalle musiche tradizionali africane tramandate dagli schiavi, con una serie di tappe che passano dalla musica popolare giamaicana agli influssi jazz e soul. Ci sono varie interpretazioni sull’etimologia del termine reggae: per alcuni deriva da ragtime, cioè “tempo stracciato” (dall’inglese rag, brandello, straccio), per altri deriva da regular, che nel dialetto giamaicano identifica la gente comune. L’interpretazione data invece da uno dei pilastri della musica reggae, cioè Bob Marley, è che la parola derivi dallo spagnolo e significhi “la musica del re”, alludendo al supremo Jah Ras Tafari.

 

In effetti il reggae più che una corrente musicale fu un vero e proprio movimento socio-culturale con l’intento di sensibilizzare tutti i neri alla liberazione (dalla sottomissione dei popoli bianchi) ed al ritorno nella mamma Africa nella quale vivere in pace ed armonia secondo le leggi di Jah. La musica reggae comincia a muovere i suoi primi timidi passi negli anni ‘40 ma deve attendere gli anni ’70 per affermarsi con successo, cioè quando la musica di Jimmy Cliff e dei Wailers cominciava a diffondersi radiofonicamente.

 

Ma la svolta si ebbe quando Bob Marley e Peter Tosh divennero delle stars internazionali; a quel punto il reggae cominciò massicciamente a circolare anche nei paesi africani entrando nelle menti e nei cuori della gente che trovarono in questa musica messaggi di liberazione ed emancipazione a cui ispirarsi. Anche in Africa ora si cominciava a produrre musica reggae. Ma gli eventi che spinsero molti artisti africani a dedicarsi esclusivamente al reggae furono due : il mitico concerto di Bob Marley in Zimbabwe nel 1980 e la pubblicazione dell’album Equal Rights di Peter Tosh in Sudafrica , in pieno regime di Apartheid. Nel primo caso, il Profeta del reggae in persona  aveva messo piede nella Terra Promessa e aveva benedetto la gente con la sua musica; nel secondo caso, in un paese dove più che mai la gente di colore era messa in ginocchio dall’uomo bianco, veniva diffusa la musica di un nero che, senza mezzi termini, inneggiava a equal rights and justice e preannunciava che gli oppressori sarebbero stati puniti.

 

Il reggae africano, impersonato da artisti quali l’ivoriano Alpha Blondy ed il sudafricano Lucky Dube, si rifà molto allo stile dei vari Marley, Tosh e Cliff arricchito dal talento personale di ogni artista e dalle sonorità più propriamente africane. Ciò che rimane comune nel reggae giamaicano ed in quello africano sono i messaggi di uguaglianza, rivendicazione dei diritti, pace e rispetto della parola di Jah. Infatti nel reggae roots degli anni '70 la maggior parte dei testi ha una tematica spirituale e religiosa, affiancata spesso ai temi della povertà degli abitanti dei ghetti di Kingstone (capitale della Giamaica) e la sofferenza del popolo nero schiavizzato dai bianchi ed allontanato dall'Africa.

 



Note biografiche dell'autore

Marco, redazione di articoli, recensioni e comunicati stampa



Pubblica e condividi questo articolo

Per pubblicare questo articolo sul tuo sito o blog clicca qui per prelevare il codicie HTML
Ricorda: il corpo dell'articolo, il titolo, Note biografiche dell'autore e i link non possono essere né cambiati né rimossi. Per pubblicare questo articolo devi aver letto ed accettato i termini del servizio.


Rating: Nessun voto espresso
Per votare effettua il login

Commenti

Nessun commento.

Invia un commento

Per inviare un commento devi prima effettuare il login.










Social Bookmark
Bookmark to: Mr. Wong Bookmark to: Webnews Bookmark to: Icio Bookmark to: Oneview Bookmark to: Linkarena Bookmark to: Favoriten Bookmark to: Seekxl Bookmark to: Kledy.de Bookmark to: Social Bookmarking Tool Bookmark to: BoniTrust Bookmark to: Power Oldie Bookmark to: Bookmarks.cc Bookmark to: Favit Bookmark to: Bookmarks.at Bookmark to: Shop-Bookmarks Bookmark to: Seoigg Bookmark to: Newsider Bookmark to: Linksilo Bookmark to: Readster Bookmark to: Folkd Bookmark to: Yigg Bookmark to: Digg Bookmark to: Del.icio.us Bookmark to: Facebook Bookmark to: Reddit Bookmark to: Jumptags Bookmark to: Simpy Bookmark to: StumbleUpon Bookmark to: Slashdot Bookmark to: Propeller Bookmark to: Furl Bookmark to: Yahoo Bookmark to: Spurl Bookmark to: Google Bookmark to: Blinklist Bookmark to: Blogmarks Bookmark to: Diigo Bookmark to: Technorati Bookmark to: Newsvine Bookmark to: Blinkbits Bookmark to: Ma.Gnolia Bookmark to: Smarking Bookmark to: Netvouz

Statistiche

Categorie presenti: 0
Articoli totali: 8951
Autori iscritti: 19810
1 utenti online.

Copyright © 2017 article-marketing.biz - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA