ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' active_time = 1500928216, active_ip = '54.162.232.51', act' at line 2
---
REPLACE INTO it_active SET active_id = , active_time = 1500928216, active_ip = '54.162.232.51', active_user_agent = 'CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)', active_session = '2csaeqdp0rop3oh654mmaedoe2'
---
ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3
---
SELECT * FROM it_comments, it_users WHERE user_id = comment_author_id AND comment_topic = 3052 AND comment_type = 'articles' AND (comment_state = 1 OR comment_author_id = ) ORDER BY comment_date ASC
---
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3 I pigmenti gialli nella storia dell’arte


Article Marketing » Arte-e-cultura » I pigmenti gialli nella storia dell’arte



I pigmenti gialli nella storia dell’arte


Preleva il codice html | PDF | Stampa
scritto da: Arianna - Visite: 2533 - Numero di parole: 912 - Data: 10 Oct 2007 - Ora: 9:17 AM 0 commenti




I pigmenti, in qualità di materiali artistici, hanno subito un’evoluzione nel corso della storia dell’arte in conseguenza alla crescita delle tecnologie pittoriche e dei leganti in cui potevano essere dispersi.

 

Il loro utilizzo è accertato fin dalle prime forme d’arte in Occidente risalenti a 40000 anni prima di Cristo e raffiguranti principalmente aspetti di vita quotidiana e dell’ambiente circostante.

Gli uomini primitivi servendosi di materiali coloranti ricavati dal territorio prossimo agli agglomerati delle loro tribù hanno dato origine al ritrovamento di tipologie eterogenee in relazione ai luoghi geografici analizzati. Applicavano i pigmenti sulle superfici dopo aver elaborato una mistura di polveri colorate e grasso animale che poi stendevano con dita oppure, era diffusa l’abitudine di sporcare un tubo vuoto con i materiali artistici e soffiandovi all’interno, il colore rimaneva impresso sull’area desiderata.

 

La tavolozza degli artisti primitivi non era molto ricca si componeva principalmente di colori scuri e terrosi quali: nero, più frequentemente impiegato per disegnare; terre gialle o rosse, in genere ossidi di Ferro a vari stadi di ossidazione; terre marroni, miscele di ossidi di Ferro e Manganese ancora oggi ampiamente diffuse; terra verde ricavata da due minerali quali glauconite e celadonite, ma che per la scarsità di giacimenti non aveva un impiego frequente; infine i bianchi ottenuti da gesso o da ossa di animali.

 

Dal 4000 a. C. al 300 d.C. l’arte fece capo agli Egiziani. La loro tavolozza era molto ricca, si componeva di pigmenti naturali quali: Malachite ed Azzurrite, carbonati basici di rame aventi rispettivamente colore verde e blu; Cinabro, un solfato di Mercurio che rappresenta la prima varietà di rosso della storia, Orpimento, un solfuro di Arsenico, ricavato da un minerale importato dalla Siria , dal colore giallo brillante e velenoso, Lapislazzuli, minerale dal colore blu intenso molto usato dagli Egiziani soprattutto per la realizzazione di gioielli e nelle sculture.

Accanto ai pigmenti di origine naturale, questa popolazione introdusse il Blu egiziano, un silicato di rame ottenuto dalla calcinazione di una mistura contenente sabbia e rame metallico a cui, a volte, si poteva trovare aggiunto del cobalto e tracce di stagno.

 

Le numerose innovazioni introdotte dagli antichi Egizi nei vari settori artistici, furono in seguito adottate dai Greci che, partendo da queste, ne produssero di nuove. La loro tavolozza fu in parte ereditata da quella egiziana , anche se ai già numerosi pigmenti in essa contenuti ne furono aggiunti dei nuovi: il Nero di seppia, ottenuto dall’inchiostro dei polipi che vivevano nei Mari Mediterraneo ed Adriatico; il Crysocolla, verde naturale chimicamente identificabile come un silicato di Rame ed utilizzato oltre che come pigmento miscelato a Ferro, Mangnesio, Alluminio e sale di Potassio, anche come adesivo per gli ori; l’Oro, che per il forte costo fu impiegato solo raramente nelle produzioni artistiche.

 

Al declino dell’Impero Ellenico, cominciò a farsi spazio nella realtà europea un altro caposaldo della storia: la Civiltà Romana. Da un punto di vista prettamente coloristico, i Romani non apportarono grandi innovazioni anche perché, come tutti gli antichi artisti, si limitavano a seguire prescrizioni dettate da altri non lasciando spazio al loro spirito creativo soprattutto per la creazione di miscele dei colori.

 

Per assistere ad uno stravolgimento di tale sistema si deve attendere il Rinascimento, periodo che apportò un rinnovamento generale liberando lo spirito degli artisti e recando una altrettanto libera scelta dei materiali utili al loro lavoro. Non poteva mancare, quindi, l’aggiunta di nuovi pigmenti alla già ricca tavolozza che gli artisti nel corso degli anni avevano contribuito a produrre. Fece capolino proprio in questi anni il Blu Oltremare, ottenuto dal Lapislazzuli e molto diffuso nel Rinascimento soprattutto per dipingere il manto della Vergine. Tra gli altri pigmenti, si fecero conoscere diversi tipi di giallo quali: Giallo di Napoli nella specie naturale ed artificiale ed i Gialli di Piombo-Stagno disponibili per gli artisti in diverse tonalità. La tavolozza rinascimentale poteva contare anche su una serie di Terre colorate: Ombra, pigmento scuro prodotto da una miscela di ossidi di Ferro e Magnesio; Terra di Siena, di origine naturale e dal colore giallo-scuro, era ottenuto da una miscela di ossidi di Ferro e Manganese.

 

Comparvero poi le lacche, realizzate partendo da sostanze indiane di origine organica, Carminio e legno brasiliano. Una loro forte tendenza a schiarire però, non ne propose un utilizzo duraturo. In questo panorama di fervore artistico comincerà a farsi spazio il periodo della Riforma che si tradurrà nella spaccatura dell’arte in due tendenze. Da una parte coloro che continueranno a cercare il favore della chiesa protestante per le loro opere, come Rubens e la sua scuola per esempio, e dall’altra un gruppo di artisti che produceva lavori sotto commissioni o andava alla ricerca di eventuali acquirenti. Il mercato dell’arte ormai straboccava di artisti che per ridurre la concorrenza tendevano a specializzarsi tecnicamente al fine di primeggiare.



Note biografiche dell'autore

Arianna D.P., redazione di article-marketing.eu: articoli, recensioni e comunicati stampa



Pubblica e condividi questo articolo

Per pubblicare questo articolo sul tuo sito o blog clicca qui per prelevare il codicie HTML
Ricorda: il corpo dell'articolo, il titolo, Note biografiche dell'autore e i link non possono essere né cambiati né rimossi. Per pubblicare questo articolo devi aver letto ed accettato i termini del servizio.


Rating: Nessun voto espresso
Per votare effettua il login

Commenti

Nessun commento.

Invia un commento

Per inviare un commento devi prima effettuare il login.










Autori top

Social Bookmark
Bookmark to: Mr. Wong Bookmark to: Webnews Bookmark to: Icio Bookmark to: Oneview Bookmark to: Linkarena Bookmark to: Favoriten Bookmark to: Seekxl Bookmark to: Kledy.de Bookmark to: Social Bookmarking Tool Bookmark to: BoniTrust Bookmark to: Power Oldie Bookmark to: Bookmarks.cc Bookmark to: Favit Bookmark to: Bookmarks.at Bookmark to: Shop-Bookmarks Bookmark to: Seoigg Bookmark to: Newsider Bookmark to: Linksilo Bookmark to: Readster Bookmark to: Folkd Bookmark to: Yigg Bookmark to: Digg Bookmark to: Del.icio.us Bookmark to: Facebook Bookmark to: Reddit Bookmark to: Jumptags Bookmark to: Simpy Bookmark to: StumbleUpon Bookmark to: Slashdot Bookmark to: Propeller Bookmark to: Furl Bookmark to: Yahoo Bookmark to: Spurl Bookmark to: Google Bookmark to: Blinklist Bookmark to: Blogmarks Bookmark to: Diigo Bookmark to: Technorati Bookmark to: Newsvine Bookmark to: Blinkbits Bookmark to: Ma.Gnolia Bookmark to: Smarking Bookmark to: Netvouz

Statistiche

Categorie presenti: 0
Articoli totali: 8951
Autori iscritti: 19810
0 utenti online.

Copyright © 2017 article-marketing.biz - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA